Sui muri, per ricordare…

Fra le iniziative organizzate dalla scuola per la Giornata della Memoria, ce n’è stata una particolare, nata da un’idea del Prof. Anglano. Qualche giorno prima di quella giornata, siamo infatti andati insieme a lui ad attaccare in giro per il quartiere alcuni proclami tedeschi pubblicati all’epoca  della seconda guerra mondiale erano “attivi”, fra questi uno, più grande degli altri, dietro la cancellata della nostra scuola (all’angolo con il giardinetto), sul quale poi abbiamo scritto la poesia di Bertold Brecht “Prima di tutto vennero a prendere gli zingari”. Peccato che poi, quella notte qualcuno sia venuto a stracciare il nostro lavoro, ma senza ottenere risultati, dato che il giorno dopo Anglano ci ha riportato a rifare il lavor, questa volta, anziché attaccando sul muro un paginone, disegnando direttamente il filo spianto e la stessa dei giudei. In questo modo il lavoro è stato “inattaccabile”.

(giada violanda e caterina traversa)

Questo slideshow richiede JavaScript.

2 commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...