Piccoli attori alla puecher!

Grande attesa a scuola per la replica dello spettacolo che le classi IA, IE e IF hanno portato in scena al teatro Martinitt per il progetto legato all’attività del Museo dei Martinitt e delle Stelline. Lo spettacolo sarà infatti riproposto alla scuola, ancora non si sa se il giorno  5 o 8  durante le lezioni della mattina, per conbsentire a tutte le scuole di applaudire i propri compagni.
A quanto pare ai “piccoli attori” questa attività è piaciuta e li ha coinvolti molto,  come abbiamo dedotto dall’intervista che abbiamo fatto ad una loro, ma anche attraverso le parole della Prof. Morrone, che ha proposto loro il progetto e degli educatori inviati dal Museo per aiutare i ragazzi nell’allestimento.

Prof.ssa Morrone, pensa sia piaciuta questa attività ai ragazzi?

Si, è piaciuto molto, sopprattutto perchè lo hanno interamente creato loro.

Da chi è partita questa idea?

Dal museo.  Sin dall’inizio dell’anno era prevista un’attività.

Pensa che il tempo “perso ” per i preparativi sarebbe stato meglio sostituirlo con le solite lezioni?

No, per niente. Credo che i ragazzi abbiano imparato molto in queste ore.

Entusiasta dell’attività ci è parsa Chiara Gramegna di I F

Ti è piaciuto questo progetto?

Si, molto.

Cosa ti è piaciuto di più del lavoro, tu che ruolo avrai nello spettacolo?

Un po’ tutto il lavoro fatto. Io ho scelto di non apparire in scena perchè sono timida e perchè non ho mai fatto teatro.

Ma come si sono posti gli educatori nei confronti dei ragazzi? Lo abbiamo chiesto a Monica Boghi

In generate trovate che sia facile  appassionare i ragazzi con questa attività?

Si’, spesso abbiamo ottimi risultati. Io per esempio ho degli allievi che scelgono di rimanere a teatro non un’ora sola ma due.

Chi vi ha contattati per affidarvi questo progetto?

La responsabile del museo dei Martinitt e delle Stelline.

Quali sono le difficoltà di  svolgere questo lavoro con ragazzi che non fanno teatro?

A volte alcuni mostrano comunque di essere molto dotati, pur non avendo mai fatto teatro prima, altre volte ci è capitato di notare il talento di alcuni che già hanno fatto qualche corso. E’ sempre una bella sfida.

(Giada Violanda e Maia Azikri)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...