Incontro con Paolo De Feo

wpid-wp-1425841282186.jpeg

IL 16 febbraio 2015 è venuto nella nostra scuola un agente di polizia locale di Milano, che si chiama Paolo De Feo e che si occupa di quello che succede nella rete, dei cosiddetti ”reati informatici”. Ha concesso un’intervista a noi redattori del Puecherinside che pubblicheremo sul quotidiano Il Giorno per il concorso giornalistico a cui con questo blog partecipiamo da anni, ma, al di là di questo obiettivo, è stato un incontro interessante perché ci ha spiegato molte cose. Ci ha raccontato del sexting, del cyberbullismo e della pedofilia sul web. Ci ha invitato a stare attenti quando utilizziamo i social network: Facebook, What’s app, Instagram, Ask, Line, We chat, Messenger, ecc. e soprattutto a non collezionare amicizie che non conosciamo realmente, perché dietro potrebbero nascondere un pedofilo o un aker… De Feo ci ha anche raccontato che i pedofili hanno generalmente meno di 40  anni e spesso sono persone istruite. L’incontro ci è piaciuto molto perché ci ha insegnato a stare all’erta sia quando siamo on con i computer che quando utilizziamo i cellulari.

(John Ransell Bueno)

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...